Google Ads

 
 
 


 

Siculiana, l’addio al boss Triassi tra polizia e carabinieri

C’erano pochissime persone, ieri, presso la cappella del cimitero comunale di Siculiana, a dare l’ultimo saluto al boss Vito Triassi, morto nei giorni scorsi nelle isole Canarie, in Spagna.
L’uomo, 62 anni, è deceduto a seguito di un infarto che non gli ha lasciato scampo. La salma è giunta a Roma, da qui a Palermo e poi nel paese di cui l’uomo era originario.
I funerali sono stati vietati per ragioni di ordine pubblico e dunque si è celebrata solo una benedizione della salma imbalsamata a cui hanno partecipato solo i parenti stretti e pochissime altre persone.
A confermarlo l’arciprete che ha celebrato il rito: “E’ stata una celebrazione semplice e breve. Abbiamo affidato il defunto alla misericordia di Dio”.
A sorvegliare tutto c’erano le forze dell’ordine, nello specifico carabinieri e poliziotti.

Leggi l’articolo su: GrandangoloAgrigento

Posta un commento

0 Commenti