Google Ads

A BLACK JESUS (AT) BY LUCA LUCCHESI, HELLA WENDERS

A BLACK JESUS (AT)

BY LUCA LUCCHESI, HELLA WENDERS



In Siculiana, una piccola città siciliana, la statua di un Gesù nero è stata venerata per secoli. Mentre il rifugiato diciannovenne Edward del Ghana chiede di portare il gigantesco crocifisso nella processione annuale del 3 maggio, gli abitanti della comunità sono chiamati a mettere in discussione la propria identità.


    • Anno di produzione
    • 2019
    • genere
    • Documentario
    • Paese
    • GERMANIA, ITALIA
    • Lingua
    • ITALIANO
    • Durata
    • 90 mn
    • Registra
    • Luca LUCCHESI, Hella WENDERS
    • Produttore
    • Wim WENDERS (Neue Road Movies GmbH), Eric FRIEDLER (NDR), Marco ALESSI (Dugong Films)
    • Sinossi
    • In Siculiana, una piccola città siciliana nella provincia di Agrigento, la statua di un Gesù nero è stata venerata per secoli. Il 3 maggio, il simulacro del crocifisso viene portato in processione sulle spalle dei devoti attraverso le affollate strade della città. In questa occasione, centinaia di immigrati siculianesi tornano da ogni parte d'Italia e dall'estero per rendere omaggio al loro patrono.

      Nel 2014, Villa Sikania, un hotel sull'orlo della bancarotta, è stato trasformato dai proprietari in un centro per rifugiati. Al culmine della crisi dei migranti tra il 2015 e il 2016, il centro ha ospitato 1.500 rifugiati, metà della popolazione locale. Grazie alla nuova politica migratoria italiana, i numeri oggi sono stati drasticamente ridotti a circa 150 richiedenti asilo provenienti da più di 20 paesi. Tuttavia, i siculianesi non hanno mai fatto pace con l'idea dei migranti in città: pochi siculiani hanno mai scambiato una parola con loro.

      La sonnolenta stagnazione della Siculiana è stimolata dall'arrivo di Edward, un diciannovenne del Ghana. Immediatamente affascinato dalla figura del Gesù nero, che vede per la prima volta durante la processione del 2018, Edward decide di sfidare l'indifferenza e la paura dei Siculianesi. Chiede loro il più grande onore: partecipare, insieme a due dei suoi connazionali, Pietro e Samuele, come portatori del crocifisso durante le celebrazioni del 3 maggio. Affrontando i temi dell'uguaglianza e della fratellanza tra tutti gli esseri umani, la battaglia personale di Edward è la colonna centrale del film, un tronco drammaturgico da cui si dipartono e si intrecciano personaggi e storie diversi, creando un ritratto a più livelli di un diviso Comunità.

      I siculianesi, che sono sempre stati una popolazione di emigranti, hanno a che fare con l'esodo dei giovani e quindi con la mancanza di forza lavoro. A causa di un antico orgoglio, un senso di superiorità radicato in millenni di civiltà mediterranee in Sicilia - annacquato negli ultimi decenni dal crollo culturale e politico italiano - la crisi dell'emigrazione non viene affrontata seriamente. Una possibile risposta ai problemi della città potrebbero essere i giovani migranti presenti a Villa Sikania: il loro talento e la loro volontà di intraprendere qualsiasi lavoro onesto potrebbero far rivivere il destino della Siculiana. Ma il loro status di richiedenti asilo rende impossibile per loro fare piani a breve o lungo termine o ottenere contratti di lavoro. Siculianesi e migranti rimangono divisi, non parlando tra loro per paura,

      Durante le riprese del personaggio e del coraggio di Edward, 19 anni, la comunità siciliana ha iniziato a svegliarsi e riscoprire piccoli momenti di speranza per una vita civile. Il nostro film disegna un vivido ritratto di un pezzo di Europa ai suoi confini in un momento in cui le porte non si sono ancora completamente chiuse. Ciò che è in gioco: la conservazione del nostro senso fondamentale dell'umanità.

    Posta un commento

    0 Commenti