Google Ads

IL TAR DISPONE LA VERIFICA DELLA DISTANZA DAL CENTRO ABITATO DI MONTALLEGRO, PER IL NUOVO IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI A SICULIANA

https://ift.tt/DUvQ4z3

Ormai è guerra aperta quella che la Pro Loco e il comune di Montallegro hanno con la Catanzaro Costruzioni, per la vicenda del nuovo impianto di trattamento dei rifiuti da realizzare nelle adiacenze della discarica di Siculiana in contrada Matana, ma a due passi dal territorio comunale di Montallegro. L’allora assessore al territorio e Ambiente Salvatore Cordaro aveva con decreto del 29 settembre 2022, rilasciato il Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR), che avrebbe consentito alla ditta “Catanzaro Costruzioni s.r.l.” di realizzare il nuovo impianto di trattamento dei rifiuti. Ma avverso questo provvedimento autorizzativo la Pro Loco di Montallegro, presieduta da Giosuè Scalia, ha presentato ricorso al TAR Palermo, con il patrocinio degli avvocati Santo Botta e Teodoro Caldarone. Anche il Comune di Montallegro, in persona del Sindaco Giovanni Cirillo, ha avversato il PAUR ( con il patrocinio degli avvocati Airò e Rubino).

In particolare, i legali della Pro Loco, Botta e Caldarone, hanno ”denunciato numerose violazioni di legge, tra le quali il mancato rispetto della prescritta distanza tra l’area del progetto e il centro abitato, la mancata valutazione della sussistenza di vincoli paesaggistici insuperabili che insistono sulla fascia di territorio interessata dal progetto, nonché l’effetto cumulo con la discarica in essere ed il conseguente impatto ambientale”. Inoltre, sia i legali della Pro Loco sia i difensori del Comune hanno ”formulato una istanza istruttoria richiedendo al Tribunale amministrativo regionale di voler disporre una verificazione per determinare, in maniera terza ed imparziale, la reale distanza tra il perimetro del centro abitato di Montallegro e il perimetro dell’impianto di trattamento rifiuti che la ditta Catanzaro vorrebbe realizzare”. A seguito dell’udienza dello scorso 24 marzo, il TAR Palermo, sezione II, presidente dott.ssa Cabrini, relatore dott. La Greca, in accoglimento della domanda istruttoria formulata dai legali della Pro Loco e del Comune, ha incaricato il Preside della Facoltà di ingegneria e architettura dell’Università Kore di Enna. L’accertamento, che dovrà avvenire nel contraddittorio delle parti, dovrà concludersi entro sessanta giorni; il prosieguo dell’udienza è stato previsto per il giorno 8 novembre 2023. Questa diatriba sulla distanza è importante, perchè se il nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti dovesse nascere si troverebbe a pochi km dal centro di Montallegro e questo renderebbe la situazione per gli abitanti del paese alquanto negativa, oltre al fatto che già mal sopportano il via vai dei camion che ogni giorno portano i rifiuti in discarica. Questo il motivo dell’opposizione della nascita al nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti.


Originally posted here: https://ift.tt/sYdnpPQ

Posta un commento

0 Commenti